News

Decreto Rilancio: i contributi a fondo perduto alle imprese

Mag 15 2020

Autore: Dott. Simone Maria d'Arcangelo

Decreto Rilancio – Contributi alle imprese e schema dei principali punti della manovra

In attesa della pubblicazione del testo definitivo, di seguito riportiamo le novità oggetto della bozza del cd. Decreto Rilancio, un testo che risolve anche la complessa questione della regolarizzazione dei lavoratori impiegati nei campi e del lavoro domestico, introduce incentivi alla mobilità alternativa con i bonus per l'acquisto di biciclette e i tanto attesi contributi a fondo perduto per le imprese.

Simone Maria d'Arcangelo

Proprio per quanto concerne le imprese, il decreto annunciato nella serata del 13 maggio prevede un sostegno sotto forma di contributo a “fondo perduto” a favore dei soggetti (imprese, lavoratori autonomi e agricoltori) titolari di partita IVA colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid-19”.

In particolare, il contributo spetta a condizione che:

  • l’attività non sia cessata alla data del 31.3.2020;
  • i ricavi o i compensi per il periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto (tipicamente 2019) non siano stati superiori a 5.000.000 di euro;
  • l’ammontare del fatturato o dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi del fatturato o corrispettivi del mese di aprile 2019.
  • Tale condizione non si applica ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° gennaio 2019, ed ai soggetti che hanno la sede operativa nei comuni colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid-19” i cui stati di emergenza erano in atto alla data di dichiarazione dello stato di emergenza nazionale.

L’importo del contributo è determinato in percentuale sulla differenza tra l’ammontare del fatturato/corrispettivi aprile 2020 e aprile 2019, secondo la seguente tabella:

  • il 20% per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 400.000 euro;
  • 15% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 400.000 e fino a 1.000.000 di euro;
  • 10% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 1.000.000 e fino a 5.000.000 di euro.

È previsto un importo minimo del contributo pari ad euro 1.000 per le persone fisiche ed euro 2.000 per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Sarà necessario attendere, per quanto concerne le modalità applicative, l’emanazione del decreto e gli eventuali chiarimenti operativi che verranno auspicabilmente forniti.

Gli altri punti salienti della manovra:

  • Stop alla rata Irap per tutti fino a 250 milioni di fatturato
  • CIG più veloce e blocco licenziamenti per 5 mesi
  • L’indennizzo alle partite Iva per aprile resta a 600 euro
  • Reddito di emergenza in due tranche, importi tra 400 e 800 euro
  • Emersione del lavoro nero e permessi temporanei per braccianti, colf e badanti
  • Colf e badanti, ad aprile e maggio indennità mensile di 500 euro
  • Congedi straordinari più lunghi o bonus babysitter cumulabili
  • Ecobonus e sismabonus al 110% con sconto in fattura
  • Le tasse di marzo, aprile e maggio rinviate al 16 settembre 2020
  • Il Fisco concede una tregua Stop a 30 milioni di atti e cartelle
  • Niente Imu sugli alberghi e Tosap bloccata fino a ottobre
  • Manovra da 12 miliardi per sbloccare i debiti PA
  • Bonus vacanze fino a 500 euro a famiglia da spendere in Italia
  • Bollette più leggere per le PMI: in pista un taglio da 600 milioni
  • Taglio agli abbonamenti Tpl e bonus per l’acquisto di biciclette
  • Cure a casa con 20mila assunzioni, in ospedale 8mila letti per il Covid

Seguiranno approfondimenti, nei prossimi giorni, su ognuno dei punti elencati.

Esperti e lungimiranti, pronti ad andare oltre le barriere e le convenzioni, aperti a sperimentare nuovi ambiti professionali, attenti all'Italia e al mondo.

EXP Contacts

  Via di Ripetta, 141
00186 - Roma

 +39 06 6876917

Via Fontana, 22
20122 - Milano

+39 02 30573573

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Linkedin